Il 27 giugno 2014 la Repubblica Moldova, accanto all’Ucraina e la Georgia, ha firmato l’Accordo di associazione con l’Unione Europea.

Il Primo ministro moldavo Iurie Leanca ha dichiarato dopo la firma dell’accordo che è un evento storico che porterà benefici ai cittadini. “Questo significa, in primo luogo, il funzionamento più efficiente delle istituzioni secondo il modello europeo, una migliore integrazione nell’economia europea, accesso a un mercato di 500 milioni di consumatori con elevato potere d’acquisto, investimenti nell’economia della Repubblica Moldova”, ha sottolineato Iurie Leanca.

Il presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy ha dichiarato che l’Accordo di associazione con l’Unione Europea non è un semplice accordo e che queste relazioni economiche e politiche porteranno stabilità e prosperità a tutto il continente europeo, rafforzeranno la democrazia, i diritti dell’uomo e lo Stato di diritto. Il Presidente della Commissione europea José Manuel Barroso ha sottolineato che gli Accordi di associazione con la Moldova, l’Ucraina e la Georgia daranno l’opportunità ai tre Paesi per la riforma e la crescita economica.

l’Accordo di associazione con l’UE prevede l’istituzione dell’area di libero scambio e la riduzione fino all’eliminazione delle tariffe doganali. Secondo gli esperti ne deriverà la riduzione dei prezzi per i prodotti importati, ma anche aumenterà la competitività dei produttori locali. La Repubblica Moldova deve continuare sulla strada delle riforme più sostanziose, facendo propri i valori della democrazia occidentale.

Nel corso della seduta dell’Esecutivo del 28 giugno nella quale è stato approvato il disegno di legge per la ratifica dell’Accordo di associazione con l’UE, il Primo ministro moldavo ha sottolineato che l’impegno più importante è rivolto ai cittadini. “Gli impegni più importanti derivanti da questo accordo sono le istituzioni funzionanti al servizio dei cittadini, istituzioni che combattano più efficacemente la corruzione, la vera separazione dei poteri, la giustizia che giudichi secondo la legge e non secondo certi interessi, una vera economia di mercato, – questi sono i nostri obiettivi”, ha aggiunto Iurie Leanca.

Leave a Comment